Cultura Fritz Haber, il padre della guarra chimica e dei fertilizzanti

Added
ottobre 3, 2019
Location
Visualizzazioni
2235
Valutazione
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading...
DESCRIZIONE

Fritz Haber (Germania; 9 dicembre 1868 – 29 gennaio 1934) fu un chimico tedesco che nel 1918 ricevette il premio Nobel per la chimica per la sua invenzione del processo Haber-Bosch, un metodo utilizzato nell’industria per sintetizzare l’ammoniaca da gas azoto e idrogeno . La presente invenzione è importante per la sintesi su larga scala di fertilizzanti ed esplosivi. La produzione alimentare per metà dell’attuale popolazione mondiale prevede questo metodo per produrre fertilizzanti azotati. Haber, insieme a Max Born, ha proposto il ciclo Born-Haber come metodo per valutare l’energia reticolare di un solido ionico.

Haber è anche considerato il “padre della guerra chimica” per i suoi anni di lavoro pionieristico nello sviluppo e nell’arma del cloro e di altri gas velenosi durante la prima guerra mondiale, in particolare le sue azioni durante la seconda battaglia di Ypres.

Prima guerra mondiale
Haber ha accolto con entusiasmo la prima guerra mondiale, unendosi ad altri 92 intellettuali tedeschi nel firmare il Manifesto dei Novantatre nell’ottobre 1914. Haber ha avuto un ruolo importante nello sviluppo dell’uso non balistico della guerra chimica nella prima guerra mondiale, nonostante della prescrizione del loro uso nelle conchiglie dalla Convenzione dell’Aia del 1907 (di cui la Germania era firmataria). Fu promosso al grado di capitano e divenne capo della sezione di chimica del Ministero della Guerra subito dopo l’inizio della guerra. Oltre a guidare le squadre che sviluppavano gas di cloro e altri gas mortali da utilizzare nella guerra di trincea, Haber fu disponibile personalmente quando fu rilasciato per la prima volta dai militari tedeschi nella Seconda Battaglia di Ypres (dal 22 aprile al 25 maggio 1915) in Belgio. Haber ha anche contribuito a sviluppare maschere antigas con filtri adsorbenti in grado di proteggere da tali armi.

Una truppa speciale fu formata per la guerra del gas (Pioneer Regiments 35 e 36) sotto il comando di Otto Peterson, con Haber e Friedrich Kerschbaum come consiglieri. Haber reclutò attivamente fisici, chimici e altri scienziati per essere trasferiti nell’unità. I futuri premi Nobel James Franck, Gustav Hertz e Otto Hahn servirono come truppe a gas nell’unità di Haber. Nel 1914 e nel 1915, prima della Seconda Battaglia di Ypres, l’unità di Haber investigò su rapporti secondo cui i francesi avevano schierato Turpenite, una presunta arma chimica, contro i soldati tedeschi.

La guerra del gas nella prima guerra mondiale fu, in un certo senso, la guerra dei chimici, con Haber contrapposto al chimico vincitore del premio Nobel francese Victor Grignard. Per quanto riguarda la guerra e la pace, Haber una volta disse: “durante la pace uno scienziato appartiene al mondo, ma durante la guerra appartiene al suo paese”. Questo era un esempio dei dilemmi etici che i chimici dovevano affrontare in quel momento.

Haber era un tedesco patriottico che era orgoglioso del suo servizio durante la prima guerra mondiale, per il quale era decorato. Gli fu persino assegnato il grado di capitano dal Kaiser, che Haber gli era stato negato 25 anni prima durante il suo servizio militare obbligatorio.

Nei suoi studi sugli effetti del gas velenoso, Haber ha notato che l’esposizione a una bassa concentrazione di un gas velenoso per lungo tempo spesso ha avuto lo stesso effetto (morte) dell’esposizione a una concentrazione elevata per un breve periodo. Ha formulato una semplice relazione matematica tra la concentrazione di gas e il tempo di esposizione necessario. Questa relazione divenne nota come regola di Haber.

Haber difese la guerra del gas dalle accuse di essere disumano, affermando che la morte era morte, con qualunque mezzo fosse inflitta. Durante gli anni 1920, gli scienziati che lavoravano nel suo istituto svilupparono la formulazione di gas cianuro Zyklon A, che veniva usata come insetticida, specialmente come fumigante nei depositi di grano.

Vita personale e famiglia
Haber incontrò Clara Immerwahr a Breslavia nel 1889, mentre stava scontando l’anno militare richiesto. Clara era la figlia di un chimico che possedeva una fabbrica di zucchero, ed è stata la prima donna a conseguire un dottorato di ricerca (in chimica) all’Università di Breslavia. Si convertì dal giudaismo al cristianesimo nel 1897, diversi anni prima che lei e Haber si fidanzassero. Si sposarono il 3 agosto 1901; il loro figlio Hermann è nato il 1 ° giugno 1902.

Clara era un’attivista per i diritti delle donne e, secondo alcuni resoconti, una pacifista. Intelligente e perfezionista, divenne sempre più depressa dopo il matrimonio e la perdita della sua carriera. Il 2 maggio 1915, a seguito di una discussione con Haber, Clara si suicidò nel loro giardino sparandosi nel cuore con il suo revolver di servizio. Non morì immediatamente e fu trovata dal figlio dodicenne, Hermann, che aveva sentito gli spari.

Le sue ragioni per il suicidio sono state oggetto di continue speculazioni. Ci sono stati molteplici stress nel matrimonio, ed è stato suggerito che si opponesse al lavoro di Haber nella guerra chimica. Secondo questo punto di vista, il suo suicidio potrebbe essere stato in parte una risposta al fatto che Haber aveva supervisionato personalmente il primo uso riuscito del gas di cloro durante la Seconda Battaglia di Ypres, provocando oltre 67.000 vittime. Haber è partito in pochi giorni perché il fronte orientale supervisionasse il rilascio di gas contro l’esercito russo. Originariamente sepolti a Dahlem, i resti di Clara furono successivamente trasferiti su richiesta del marito a Basilea, dove fu sepolta accanto a lui.

Haber sposò la sua seconda moglie, Charlotte Nathan, il 25 ottobre 1917 a Berlino. [7]: 183 Charlotte, come Clara, si convertì dal giudaismo al cristianesimo prima di sposare Haber. La coppia ebbe due figli, Eva-Charlotte e Ludwig-Fritz (“Lutz”). Ancora una volta, tuttavia, ci furono conflitti e la coppia divorziò dal 6 dicembre 1927.

Hermann Haber visse in Francia fino al 1941, ma non fu in grado di ottenere la cittadinanza francese. Quando la Germania invase la Francia durante la seconda guerra mondiale, Hermann, sua moglie e tre figlie fuggirono dall’internamento su una nave francese in viaggio da Marsiglia ai Caraibi. Da lì ottennero i visti che consentivano loro di emigrare negli Stati Uniti. La moglie di Hermann Margarethe morì dopo la fine della guerra, ed Hermann si suicidò nel 1946. Sua figlia maggiore, Claire, si suicidò nel 1949; anche chimico, le era stato detto che le sue ricerche su un antidoto per gli effetti del cloro gassoso venivano messe da parte, mentre i lavori sulla bomba atomica avevano la precedenza.

L’altro figlio di Fritz Haber, Ludwig Fritz Haber (1921–2004), divenne un eminente economista britannico e scrisse una storia di guerra chimica nella prima guerra mondiale, The Poisonous Cloud (1986).

Sua figlia, Eva, visse in Kenya per molti anni, tornando in Inghilterra negli anni ’50. Morì nel 2015, lasciando tre figli, cinque nipoti e otto pronipoti.

Numerosi membri della famiglia allargata di Haber morirono nei campi di concentramento nazisti, tra cui la figlia della sorellastra Frieda, Hilde Glücksmann, suo marito e i loro due figli.

Tra le guerre mondiali
Dal 1919 al 1923 Haber continuò a partecipare allo sviluppo segreto delle armi chimiche in Germania, collaborando con Hugo Stoltzenberg e aiutando la Spagna e la Russia nello sviluppo di gas chimici.

Dal 1919 al 1925, in risposta a una richiesta presentata dall’ambasciatore tedesco in Giappone Wilhelm Solf per il sostegno giapponese agli studiosi tedeschi in periodi di difficoltà finanziarie, un uomo d’affari giapponese di nome Hoshi Hajime, il presidente della Hoshi Pharmaceutical Company donò due milioni di Reichsmark al Kaiser Wilhelm Society come “Japan Fund” (Hoshi-Ausschuss). A Haber fu chiesto di gestire il fondo, e fu invitato da Hoshi in Giappone nel 1924, e Haber offrì una serie di licenze chimiche alla società di Hoshi, ma le offerte furono rifiutate. Il denaro del Fondo è stato utilizzato per sostenere il lavoro di Richard Willstätter, Max Planck, Otto Hahn, Leo Szilard e altri.

Negli anni ’20, Haber cercò esaurientemente un metodo per estrarre l’oro dall’acqua di mare e pubblicò una serie di articoli scientifici sull’argomento. Dopo anni di ricerche, ha concluso che la concentrazione di oro disciolto nell’acqua di mare era molto più bassa di quelle riportate da precedenti ricercatori e che l’estrazione dell’oro dall’acqua di mare era antieconomica.

Nel 1931, Haber era sempre più preoccupato per l’ascesa del nazionalsocialismo in Germania e per la possibile sicurezza dei suoi amici, collaboratori e familiari. Ai sensi della legge per il ripristino del servizio civile professionale del 7 aprile 1933, gli scienziati ebrei della Kaiser Wilhelm Society furono particolarmente colpiti. Lo Zeitschrift für die gesamte Naturwissenschaft (“Rivista per tutte le scienze naturali”) accusò che “La fondazione del Kaiser Wilhelm Institutes a Dahlem fu il preludio di un afflusso di ebrei nelle scienze fisiche. La direzione del Kaiser Wilhelm Institute for Physical and Institute L’elettrochimica fu affidata all’ebreo F. Haber, nipote del famoso profittatore ebreo Koppel “. (Koppel non era in realtà imparentato con Haber.) Haber rimase sbalordito da questi sviluppi, poiché presumeva che la sua conversione al cristianesimo e i suoi servizi allo stato durante la prima guerra mondiale avrebbero dovuto farne un patriota tedesco. Ordinato di licenziare tutto il personale ebraico, Haber tentò di ritardare le loro partenze abbastanza a lungo da trovarle da qualche parte. Al 30 aprile 1933, Haber scrisse a Bernhard Rust, ministro dell’educazione nazionale e prussiano, e a Max Planck, presidente della Kaiser Wilhelm Society, per rassegnare le dimissioni da direttore del Kaiser Wilhelm Institute e come professore presso l’università, in vigore dal 1° ottobre 1933. Disse che sebbene, in quanto ebreo convertito, potesse avere il diritto di rimanere nella sua posizione, non desiderava più farlo.

Haber e suo figlio Hermann hanno anche sollecitato i figli di Haber di Charlotte Nathan, in collegio in Germania, a lasciare il Paese. Charlotte e i bambini si trasferirono nel Regno Unito intorno al 1933 o al 1934. Dopo la guerra, i figli di Charlotte divennero cittadini britannici.

Morte
Haber lasciò Dahlem nell’agosto del 1933, soggiornando brevemente a Parigi, in Spagna e in Svizzera. Era in pessime condizioni di salute durante questi viaggi, e alla fine soffriva fatalmente di un ictus o di un infarto.

Nel frattempo, alcuni degli scienziati che erano stati controparti e concorrenti di Haber in Inghilterra durante la prima guerra mondiale ora aiutarono lui e altri a lasciare la Germania. Il brigadiere Harold Hartley, Sir William Jackson Pope e Frederick G. Donnan organizzarono che Haber fosse invitato ufficialmente a Cambridge, in Inghilterra. Lì, con il suo assistente Joseph Joshua Weiss, Haber visse e lavorò per alcuni mesi. Scienziati come Ernest Rutherford perdonavano di meno il coinvolgimento di Haber nella guerra ai gas velenosi: Rutherford si rifiutò di stringere la mano con lui.

Nel 1933, durante il breve soggiorno di Haber in Inghilterra, Chaim Weizmann gli offrì la direzione presso il Sieff Research Institute (ora Weizmann Institute) a Rehovot, in Palestina obbligatoria. Accettò e partì per il Medio Oriente nel gennaio del 1934, viaggiando con la sua sorellastra, Else Haber Freyhahn. La sua cattiva salute lo sopraffece e il 29 gennaio 1934, all’età di 65 anni, morì per insufficienza cardiaca, a metà viaggio, in un hotel di Basilea.

Su richiesta di Haber, il figlio di Haber e Clara Hermann fece in modo che Haber fosse cremato e sepolto nel cimitero di Hörnli di Basilea il 29 settembre 1934, e che i resti di Clara fossero rimossi da Dahlem e reinterrati con lui il 27 gennaio 1937.

Proprietà ed eredità
Fritz Haber lasciò in eredità la sua vasta biblioteca privata al Sieff Institute, dove fu dedicato come Biblioteca di Fritz Haber il 29 gennaio 1936. Hermann Haber aiutò a spostare la biblioteca e tenne un discorso durante la dedica.

Nel 1981, la fondazione Minerva della Max Planck Society e la Hebrew University di Gerusalemme (HUJI) istituirono il Fritz Haber Research Center for Molecular Dynamics, con sede presso l’Istituto di Chimica della Hebrew University. Il suo scopo è la promozione della collaborazione scientifica israelo-tedesca nel campo della dinamica molecolare. La biblioteca del Centro è anche chiamata Biblioteca di Fritz Haber, ma non è immediatamente chiaro se vi sia alcun collegamento con l’omonima biblioteca del 1936 dell’Istituto Sieff (ora Weizmann). [Citazione necessaria]

L’istituto più vicino al suo lavoro, l’ex Kaiser Wilhelm Institute for Physical Chemistry and Electrochemistry a Dahlem (un sobborgo di Berlino), è stato ribattezzato Fritz Haber Institute nel 1953 e fa parte della Max Planck Society.




    FEATURES

    Ypres, Belgio

    LASCIA UN MESSAGGIO A QUESTO AUTORE

    Risolvi l'operazione: trova la X 8 + 4 =

    All copyrights reserved © - 42doit.com