Cultura Il tesoro di Sutton Hoo e il mistero della nave fantasma

Video
Added
giugno 22, 2020
Location
Visualizzazioni
578
Valutazione
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading...
DESCRIZIONE

La nave del tesoro spettrale di Sutton Hoo

Fonte e traduzione automatica: https://www.nationalgeographic.com/history/magazine/2017/01-02/sutton-hoo-england-anglo-saxon-treasure-ship/

Nel 1939 una serie di tumuli a Sutton Hoo in Inghilterra rivelò i loro contenuti sorprendenti: i resti di una nave funeraria anglosassone e un enorme deposito di tesori reali del settimo secolo.

Nell’Inghilterra meridionale vicino alla costa del Suffolk si trova un tratto di brughiera sabbiosa punteggiato da misteriosi tumuli di terra. Ispirando storie e superstizioni strane tra la popolazione locale, queste carriole incantarono gli sposi Frank e Edith Pretty, che acquistarono la proprietà, nota come Sutton Hoo, nel 1926.

La coppia si stabilì a Sutton Hoo per quasi nove anni fino alla morte prematura di Frank alla fine del 1934. Edith continuò a vivere lì e divenne sempre più curiosa delle carriole nella sua proprietà. Un fascino permanente per l’occulto l’aveva portata, come molte donne facoltose del suo tempo, a consultare gli spiritisti a Londra. Alcuni sostengono che dopo la morte di suo marito, il suo interesse per lo spiritismo crebbe e si espanse fino a includere le carriole sulla sua proprietà. I resoconti contestati descrivono persino Edith come avere una visione di una processione spettrale che passa attraverso i tumuli vicino a casa sua. Qualunque sia la vera causa, nel 1937 decise di far scavare la terra e si avvicinò a un museo nella vicina Ipswich per discuterne.

Che cosa c’è sotto

L’archeologo autodidatta Basil Brown ha lavorato come assistente di scavo nel museo e ha intrapreso il progetto di Edith. La sua decisione di assumere l’incarico non solo gli avrebbe cambiato la vita, ma avrebbe anche cambiato radicalmente e approfondito la comprensione che gli studiosi avevano del primo periodo anglosassone in Inghilterra dopo il crollo del dominio romano.

Dapprima Brown supponeva che qualsiasi artefatto che una volta era stato deposto sui tumuli sarebbe stato saccheggiato molti anni prima. Il suo primo scavo, nell’estate del 1938, confermò il suo iniziale scetticismo: i tumuli due, tre e quattro contenevano solo pochi oggetti e prove di resti umani.

Nel 1939 Brown riprese lo scavo e rivolse la sua attenzione al tumulo più grande, noto come tumulus one. Durante lo scavo, si imbatté in una sezione di terra dura macchiata di ruggine e contenente chiodi a intervalli regolari. Progredendo con scrupolosa cura, Brown si rese conto di aver trovato l’impronta di una nave, lunga più di 80 piedi. Sebbene il legno fosse da tempo in decomposizione, il suo profilo spettrale e il ricco carico di merci gravi rimasero intatti.

Come era rimasto indisturbato per così tanto tempo? Fortuna, a quanto pare. Insieme a Charles Phillips dell’Università di Cambridge, che aveva anche aderito allo scavo, hanno trovato prove del fatto che gravi ladri avevano effettivamente esplorato il sito in passato. Fortunatamente, i ladri hanno scavato nel posto sbagliato, mancando per poco il tesoro.

La collezione di 263 oggetti comprendeva armi, posate d’argento, fibbie d’oro, monete e un caratteristico casco integrale, di un tipo mai recuperato in Gran Bretagna. Esaminando i manufatti, conclusero che l’insediamento non era vichingo, come ipotizzato per primo, ma anglosassone.

Orgoglio Britannico

Il significato di Sutton Hoo fu immediatamente riconosciuto. La più grande sepoltura di navi anglosassoni mai scoperta conteneva manufatti di qualità e quantità mai viste prima, e questa nuova prova della prima società guerriera dell’Inghilterra divenne carica di simbolismo quando la Gran Bretagna dichiarò guerra alla Germania nazista più tardi quell’anno. In linea con lo spirito patriottico e bellico, Edith Pretty ha donato la scoperta al British Museum di Londra. Per mantenere al sicuro i manufatti durante la seconda guerra mondiale, furono immagazzinati sottoterra nei tunnel del sistema ferroviario di Londra.

Nei decenni successivi, Sutton Hoo è stato studiato a fondo. I suoi tesori, che comprendono oggetti dell’Impero bizantino e del Medio Oriente, hanno approfondito la comprensione dei ricercatori delle reti commerciali tra gli anglosassoni e la terraferma europea.

Un addio epico

Per molti studiosi, uno degli aspetti più eccitanti della sepoltura di Sutton Hoo è la sua somiglianza con quella raffigurata nel poema epico inglese antico, Beowulf. L’eroe omonimo di questo lavoro è un talento della Svezia moderna, che viene in aiuto del re danese. Nel poema, composto nell’ottavo secolo, c’è una descrizione della sepoltura di uno Scyld Scefing, un antenato della famiglia reale danese.

Secondo la poesia, Scyld viene adagiato su una barca, circondato da tesori. Sebbene quasi certamente non vi sia alcun legame diretto tra gli eventi descritti in Beowulf e la sepoltura, lo stesso mondo di tradizioni e idee li ha ispirati. In entrambi i casi si pensa che la morte includa un viaggio verso l’aldilà e che il defunto debba essere sepolto con oggetti del mondo dei vivi, come armi, denaro, corni potabili e strumenti musicali. La sepoltura di Sutton Hoo, come quelle di conferme sepolture vichinghe, mostra una nozione ben sviluppata dell’aldilà.

Accordi accurati

Chi fu quindi sepolto nella barca di Sutton Hoo? Nessun corpo è stato ancora trovato, forse perché il terreno acido lo ha sciolto molto tempo fa, anche se gli studiosi sottolineano che resti umani sono stati trovati altrove nel sito. Una teoria tradizionale è che la sepoltura apparteneva a Rædwald, re dell’East Anglia, morto nel 624 e il cui regno coincide con le date del tesoro di Sutton Hoo.

Rædwald fu uno dei primi re degli Angli a convertirsi al cristianesimo, e sebbene la nave contenga elementi pagani, gli accademici non vedono questo come un motivo per escluderlo. Visse in un’epoca in cui convivevano antiche usanze con nuove idee religiose, un periodo affascinante in cui la tradizione pagana dell’Europa settentrionale stava cominciando a lasciare il posto al nuovo mondo del cristianesimo.

Per ulteriori approfondimenti: Medioevo tutto d’oro, un’altra sala al britannico
Link: http://www.artemagazine.it/old/archeologia/45005/medioevo-tutto-doro-nuova-sala-al-british/




    FEATURES

    Tranmer House, Woodbridge IP12 3DJ, Regno Unito

    LASCIA UN MESSAGGIO A QUESTO AUTORE

    Risolvi l'operazione: trova la X 2 + 5 =

    All copyrights reserved © - 42doit.com