Cultura U2 Lockeed Martin l’aereo spia più famoso della storia

Video
Added
novembre 11, 2020
Visualizzazioni
63
Valutazione
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading...
DESCRIZIONE

L’U-2 Dragon Lady

Il 1 ° maggio 1954, nonostante il clima primaverile ventilato, i leader della comunità dell’intelligence di Washington DC si trovarono a scoppiare in un sudore freddo e in preda al panico. Nei cieli della Piazza Rossa a Mosca, l’Unione Sovietica aveva appena introdotto il suo nuovo bombardiere – il Myasishchev M-4, minacciosamente soprannominato “Martello” – durante una celebrazione del Primo Maggio russo.

Sulla scia della riuscita detonazione di una bomba all’idrogeno da parte dell’Unione Sovietica l’estate precedente, lo svelamento ha alimentato una crescente paura che la Russia non solo avesse eclissato l’Occidente in termini sia di armi nucleari che di produzione di bombardieri, ma si stesse preparando per un potenziale attacco anche negli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti, che erano stati alleati con l’Unione Sovietica durante la seconda guerra mondiale, solo per vederli trasformarsi – letteralmente dall’oggi al domani – nel loro più feroce nemico della guerra fredda.

Penetrare la cortina di ferro si era dimostrato molto più impegnativo di quanto le agenzie di intelligence statunitensi avessero previsto. L’enorme dimensione dell’Unione Sovietica ha reso difficile il rilevamento. E quando gli aerei di sorveglianza venivano inviati ai bordi dello spazio aereo russo, venivano spesso abbattuti dalle forze sovietiche.

Il presidente Dwight Eisenhower aveva bisogno di un nuovo paio di occhi nel cielo. Li avrebbe fatti passare attraverso l’aereo da ricognizione ad alta quota Lockheed U-2.

Un angelo prende il volo

I progetti iniziali per quello che sarebbe diventato l’U-2 furono creati dal guru dell’ingegneria della Lockheed Clarence “Kelly” Johnson nel 1953. Lavorando sotto il mantello del segreto nella famosa divisione Skunk Works®, Johnson immaginò un aereo da ricognizione leggero ad alta quota in grado volando al di sopra della portata del fuoco antiaereo sovietico.

L’U-2 ha preso in prestito il suo aspetto elegante dal profilo di un aliante tradizionale. La sua ala lunga e affusolata, un terzo del peso di ciò che era normale all’epoca, gli consentiva di volare in missioni coprendo un raggio di 3.000 miglia e trasportare fino a 700 libbre delle più recenti apparecchiature di fotoricognizione a un’altitudine sbalorditiva e senza precedenti di 70.000 piedi.

Sfortunatamente, nel momento in cui Johnson poté fornire una proposta completa ai funzionari statunitensi nell’estate del 1954, il presidente Eisenhower e il direttore della CIA Allen Dulles avevano già firmato due progetti in competizione per un aereo da ricognizione ad alta quota.

Johnson era imperterrito. Sapeva di avere l’aereo migliore. Così ha offerto un accordo che nessun generale poteva rifiutare. Non solo si assumerebbe la responsabilità completa per qualsiasi manutenzione e servizio – un concetto completamente nuovo nel settore dell’aviazione – ma avrebbe anche un U-2 in volo in soli otto mesi.

Incredibilmente, Johnson ha quasi rispettato la sua scadenza impossibile, consegnando il primo U-2 per un volo di prova il 29 luglio 1955, nove mesi dopo la firma del contratto.

Il presidente Eisenhower ora aveva la sua arma segreta ed era determinato a usarla per evitare che la Guerra Fredda diventasse incandescente.

Sapere è potere

All’inizio del 1956, il premier sovietico Nikita Khrushchev aveva dichiarato che il suo paese produceva “missili come salsicce” e che presto avrebbe avuto una bomba all’idrogeno in grado di colpire “qualsiasi punto del mondo”. Tutti gli ospiti non invitati in volo sulla Russia, ha anche avvertito, sarebbero stati abbattuti impunemente.

A partire dall’estate del 1956, l’U-2 di Lockheed gli avrebbe dimostrato che aveva torto. Il 4 luglio, Hervey Stockman ha pilotato un U-2 da Wiesbaden, nella Germania occidentale, nel cuore dell’Unione Sovietica, catturando foto dettagliate di aeroporti, fabbriche e cantieri navali prima irraggiungibili da altri aerei.

L’aereo è stato monitorato dal radar sovietico, ma l’U-2 di Stockman ha volato oltre la portata degli intercettori sovietici e del fuoco antiaereo, tornando a casa con informazioni che alterano la storia.

I voli dell’U-2 hanno rivelato che i sovietici erano più interessati alla costruzione di trattori che di carri armati. La capacità della Russia di produrre bombardieri di fascia alta è stata, nella migliore delle ipotesi, insignificante. I suoi missili, sebbene numerosi, erano più adatti per attacchi intermedi contro l’Europa che per un attacco a lungo raggio contro gli Stati Uniti, con la maggior parte non pronta a sparare.

Grazie all’U-2, Eisenhower aveva le informazioni di cui aveva bisogno per evitare un massiccio accumulo di armi  e una potenziale guerra.

Spia contro spia

Era solo questione di tempo prima che il progresso della tecnologia antiaerea russa raggiungesse l’aereo spia.

Il 1 ° maggio 1960, un missile sovietico terra-aria colpì un U-2 pilotato da Francis Gary Powers, durante una missione di ricognizione sulla Russia. Powers fu condannato a 10 anni in un campo di lavoro sovietico il 17 agosto 1960, ma sarebbe stato rilasciato due anni dopo in cambio della spia Rudolph Abel.

L’U-2, tuttavia, continueò a essere una risorsa fondamentale per le agenzie di intelligence statunitensi, specialmente durante la crisi dei missili cubani. Era un U-2 con equipaggio del maggiore Richard Heyser che catturò le foto di installazioni missilistiche sovietiche nella parte occidentale di Cuba il 14 ottobre 1962, rivelando che i russi erano in grado di lanciare un attacco nucleare contro gli Stati Uniti.

Nel corso dei successivi 13 giorni, i voli U-2 avrebbero tenuto il presidente Kennedy al passo con l’attività sovietica a Cuba, facendo guadagnare all’amministrazione abbastanza tempo per negoziare un accordo con i sovietici: la Russia avrebbe smantellato le sue armi a Cuba in cambio di un impegno da parte di gli Stati Uniti per non invadere l’isola, tirando entrambe le parti dall’orlo della guerra nucleare.

Le molte vite dell’U-2

Inizialmente progettato per avere una vita operativa di soli due anni, l’U-2 avrebbe continuato a vedere il servizio in ogni successiva guerra americana, pur mostrando una notevole versatilità come aereo non militare.

Quando è dotato di un’ampia varietà di sensori, l’U-2 si è trasformato in qualsiasi cosa, da una piattaforma NASA ad alta tecnologia per condurre esperimenti di fisica a uno strumento ad alta quota per tracciare la migrazione di coleotteri della corteccia di abete rosso attraverso le foreste dell’Alaska.

Oggi, gli U-2 sono usati come dispositivi di intercettazione aerea; Gli U-2 esaminano i modelli di sporcizia per i segni di mine improvvisate e IED su Iraq e Afghanistan, rendendo questi dinamici high-flyer efficaci oggi come lo erano quasi 60 anni fa.

Fonte: lockheedmartin

I dettagli tragici poco noti dell’intercettazione nel maggio 1960 di un aereo da ricognizione americano U-2 operato da Francis Gary Powers vengono ricordati da Gennady Legasov, che faceva parte di una squadra che indagava su questa invasione dello spazio aereo sovietico.




    FEATURES

    LASCIA UN MESSAGGIO A QUESTO AUTORE

    Risolvi l'operazione: trova la X 7 + 5 =

    All copyrights reserved © - 42doit.com