Extra Il più grande mattatoio del mondo, inchiesta dietro le quinte

Video
Added
giugno 22, 2020
Visualizzazioni
88
Valutazione
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading...
DESCRIZIONE

Dietro le quinte guardando all’interno di uno dei più grandi mattatoi del mondo di Alastair Philip Wiper

Saggio fotografico: il fotografo britannico Alastair Philip Wiper ha visitato l’interno di uno dei più grandi mattatoi del mondo per creare questa serie di immagini che documentano come i maiali vengono trasformati in carne, salsicce e pancetta (+ presentazione).

Danish Crown è il maggiore esportatore mondiale di carne suina, uccidendo circa 100.000 suini a settimana per soddisfare la crescente domanda globale di carne.

Alastair Philip Wiper ha visitato il macello dell’azienda a Horsens per catturare uno sguardo dietro le quinte dell’intero processo, iniziando dalle penne dove arrivano i maiali e spostandosi negli spazi in cui gli animali vengono macellati, macellati e confezionati per la vendita.

Wiper dice che “trova difficile tollerare chi ama mangiare carne, ma non sopporta di pensare o guardare al massacro e alla morte di quell’animale”, quindi ogni immagine nel macello della corona danese ha lo scopo di rivelare l’intero macello processo, reso visibile dalla trasparenza e apertura degli spazi.

Non sono una persona schizzinosa. Adoro il cibo, adoro la carne e adoro particolarmente il maiale.

In un mondo ideale, prendiamo tutti la nostra carne dal ragazzo del nostro villaggio la cui famiglia ha amorevolmente curato i loro animali per generazioni, dando agli animali la migliore vita possibile, dando loro solo il cibo migliore, leggendo loro una favola ogni notte e concedendo loro chilometri di spazio per vagare liberi prima di essere massacrati umanamente e cerimoniosamente dal patriarca della famiglia.

Sfortunatamente la maggior parte di noi non vive in quel mondo, e mentre c’è un valido motivo per una discussione seria sul fatto se abbiamo davvero bisogno di mangiare o dovremmo mangiare, quanta carne facciamo, è una discussione per un altro giorno.
Fotografia del macello della corona danese di Alastair Philip Wiper.

La realtà è che la società in cui viviamo brama la carne, su vasta scala. Dove c’è una domanda ci sarà un’offerta e scoprire come viene soddisfatta l’offerta è qualcosa che dovrebbe interessare tutti i mangiatori di carne. Come amante del cibo, sono fermamente convinto che le persone dovrebbero pensare, capire e rispetta il loro cibo (che include le verdure!) e parte di quel rispetto è radicata da dove proviene la carne nel tuo piatto e come è morta.

Trovo difficile tollerare chi ama mangiare carne, ma non sopporta di pensare o guardare al massacro e alla morte di quell’animale. Sembra irrispettoso nei confronti dell’animale, e se volessi diventare davvero ovvio a riguardo, non sono sicuro che a queste persone dovrebbe essere permesso di mangiare carne. Quindi fu con grande attesa che non vedevo l’ora di visitare il mattatoio della Corona danese a Horsens, pubblicizzato come “il mattatoio più moderno del mondo”.

La realtà è che la società in cui viviamo brama la carne, su vasta scala

Danish Crown è il maggiore esportatore mondiale di carne di maiale, fornendo carne di maiale ai clienti di tutto il mondo; Il 90 percento delle carni suine macellate in Danimarca viene esportato, con il Regno Unito il più grande mercato.

Completato nel 2004, il macello di Horsens uccide circa 100.000 maiali alla settimana, rendendolo uno dei più grandi al mondo. Ci sono 1.420 persone impiegate lì e il macello riceve circa 150 visitatori al giorno.

Il mattatoio è stato progettato pensando all’apertura; una galleria di osservazione segue ogni fase della produzione, dai maiali in arrivo, al macello stesso, alla macellazione e al confezionamento. Sono stato sinceramente sorpreso dal livello di apertura della pianta; Danish Crown vuole invitare le persone a dire “guarda, ecco come lo facciamo”.

La prima parte del processo è chiamata linea di macellazione “nera” ed è in netto contrasto con i corridoi minimalisti, simili a uffici, che circondano l’area di macellazione. Abbiamo iniziato nello spazio in cui arrivano i maiali – tenendo in mano delle penne dove possono sedere fino a 3.800 maiali (tre ore e mezza di macellazione) per una o due ore prima che vengano macellati.

“Ascolta” dice la mia guida, Agnete Poulsen. “Ascolta cosa?” Penso. “Ci sono migliaia di maiali qui dentro e non riesci quasi a sentire un suono. Hai mai sentito il rumore che possono fare 10 maiali? È incredibile. Questi sono maiali molto calmi, ed è così che vogliamo che siano. Questa stanza è stato progettato per calmare i maiali prima che entrino nel macello. Se i maiali sono stressati quando vengono uccisi, la qualità della carne non sarà così buona “.

Da lì, i maiali vengono delicatamente radunati in piccoli gruppi da una serie di pareti mobili in una camera a gas, dove vengono resi incoscienti dal gas C02. Un minuto dopo, cadono fuori dalla camera su un nastro trasportatore da dove sono legati dalle loro gambe prima di essere bloccati nella carotide e sanguinare a morte.
Trovo difficile tollerare chi ama mangiare carne, ma non sopporta di pensare o guardare al massacro e alla morte di quell’animale

I maiali continuano il loro viaggio lungo una lunga fila, legati dalle loro gambe. Scompaiono in un armadio, dove una sega automatica taglia il loro corpo a metà. Quindi una serie di lavoratori rimuove organi diversi da ogni lato del corpo: il lavoro di un ragazzo fortunato è quello di rimuovere il cervello, il successivo il cuore e così via.

Inutile dire che c’è molto sangue. Come ho detto prima, credo sia importante capire come un animale viene macellato e persino provarlo da soli; ma, penso tra me, non potrei farlo per vivere. “Profili psicologicamente i ragazzi che svolgono questi lavori? Come fai a sapere che non si romperanno dopo un paio di settimane?” Chiedo ad Agnete. “Niente affatto”, risponde. “Si abituano molto rapidamente. Anche tu. Non forziamo le persone a farlo, sono felici di farlo. È un lavoro onesto.”

Tutti gli organi raccolti in questo processo passano a diverse sezioni della pianta dove verranno ulteriormente elaborati – c’è sempre una parte del mondo in cui qualcosa che non mangiamo qui è una prelibatezza. Dalla linea di macellazione “nera”, i maiali vengono appesi per 16 ore in una stanza refrigerata, prima di passare alla linea successiva per la macellazione generale a mano, quindi l’imballaggio, prima di essere caricati su camion e sfrecciati in luoghi remoti . Ad ogni fase del processo, diverse parti del maiale vengono timbrate, scansionate e registrate, in modo che ogni pezzo di carne nel supermercato possa essere rintracciato fino alla fattoria da cui proviene e al momento della macellazione.
È chiaro che, quando hanno progettato il macello, stavano pensando al futuro in termini di ciò che i consumatori vorranno vedere dai produttori alimentari: maggiore trasparenza

Il mattatoio di Horsens è stato davvero uno dei luoghi più affascinanti che ho visitato durante i miei viaggi. È un’esperienza che lascerà un segno nella mia vita quotidiana e mi aiuterà a capire, solo un po ‘, un altro aspetto importante del mio cibo.

Come probabilmente puoi dire, questa non è un’esposizione approfondita di un settore e la mia esperienza non è sufficiente per criticare consapevolmente il processo di consegna del bacon della corona danese al tuo tavolo per la colazione; né posso spiegare i processi della corona danese al di fuori di quello che ho visto in Horsens. Ma sono stato piacevolmente sorpreso dall’apertura dell’impianto riguardo alle sue operazioni e ai suoi metodi, ed è chiaro che quando hanno progettato il mattatoio stavano pensando in anticipo in termini di ciò che i consumatori vorranno vedere dai produttori di alimenti: maggiore trasparenza.

E mentre non posso commentare le condizioni della vita dei maiali prima che arrivino al macello (la maggior parte dei quali proviene dalla Danimarca), posso solo fare un’ipotesi colta che, attraverso la mia esperienza come residente di Danimarca, le leggi che regolano il trattamento dei suini sarebbero più o meno rigide come in qualsiasi altra parte del mondo. Chiunque fosse a conoscenza di questo sarebbe il benvenuto. Sono felice di ammettere che ho finito il mio tour con una salsiccia in mensa.

Fonte e traduzione automatica da: https://www.dezeen.com/2014/01/23/danish-crown-slaughterhouse-photo-essay-alastair-philip-wiper/




    FEATURES

    8700 Horsens, Danimarca

    LASCIA UN MESSAGGIO A QUESTO AUTORE

    Risolvi l'operazione: trova la X 7 + 6 =

    All copyrights reserved © - 42doit.com