Società Bambini spediti per posta negli Stati Uniti tra il 1913 e il 1915

Added
settembre 15, 2020
Visualizzazioni
52
Valutazione
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading...
DESCRIZIONE

Quando le persone usavano il servizio postale per spedire i loro figli

Agli albori del servizio pacchi negli Stati Uniti, non c’erano linee guida chiare su ciò che si poteva spedire per posta

Nel gennaio 1913, una coppia dell’Ohio approfittò del nuovo servizio di pacchi postali degli Stati Uniti per effettuare una consegna molto speciale: il loro figlio neonato. I Beagues pagarono 15 centesimi per i francobolli e un importo sconosciuto per assicurarlo di $ 50, poi lo consegnarono al postino, il quale lo lasciò a casa di sua nonna a circa un miglio di distanza.

I regolamenti su ciò che si poteva e non si poteva inviare per posta erano vaghi da quando gli uffici postali iniziarono ad accettare anche i pacchi di oltre quattro sterline nel 1 gennaio 1913. La gente iniziò immediatamente a testarne i limiti spedendo: uova, mattoni, serpenti e altri insoliti “pacchi”. Quindi le persone erano autorizzate a spedire i propri figli? Tecnicamente, non vi era alcuna regolamentazione postale contro di essa.

“I primi anni di servizio di pacchi postali furono un po’ un disastro”, afferma Nancy Pope, capo curatore della storia presso il National Postal Museum. “diverse città usavano regolamenti diversi a seconda dell’interpretazione del loro direttore.”

La Pope trovò circa sette casi di persone che spedivano i bambini per posta tra il 1913 e il 1915, a cominciare da un ragazzino in Ohio. Non era comune spedire i propri figli, ma per lunghe distanze sarebbe stato più economico comprare i francobolli per spedire un bambino per posta anzichè comprare un biglietto su un treno passeggeri.

Inoltre, le persone che spedivano i propri figli non li consegnavano a uno sconosciuto. Nelle zone rurali, molte famiglie conoscevano abbastanza bene il loro postino. Tuttavia, quelle due foto virali che potresti aver visto online di impiegati delle poste che trasportavano bambini nella loro borsa della posta erano foto messe in scena, prese per scherzo. Un postino avrebbe potuto portare con sé un bambino fasciato che non poteva camminare, ma non avrebbe permesso a un bambino con il pannolino di sedersi in una pila di posta.

Nel caso di May Pierstorff, i cui genitori la mandarono a casa dei nonni a 118 chilometri di distanza nel febbraio 1914, l’impiegato postale che la portò con il treno di Railway Mail era un parente. La famiglia Idaho pagò 53 centesimi per i francobolli che attaccarono sul cappotto della loro figlia di quasi sei anni. Tuttavia, dopo che il direttore delle poste Albert S. Burleson venne a conoscenza di questo incidente, così come di un’altra domanda che qualcuno aveva fatto quel mese sull’invio di bambini, vietò ufficialmente ai lavoratori delle poste di accettare gli esseri umani da spedire.

Tuttavia, il nuovo regolamento non impedì immediatamente alle persone di inviare i propri figli per posta. Un anno dopo, una donna spedì sua figlia di sei anni da casa sua in Florida a casa di suo padre in Virginia. A 720 miglia, fu il viaggio postale di bambini più lungo di tutti che la Papa identificò al costo di 15 centesimi in francobolli.

Nell’agosto 1915, la bambina di tre anni Maud Smith fece quello che sembra essere l’ultimo viaggio di una bambina per posta statunitense, quando i suoi nonni la spedirono per 40 miglia attraverso il Kentucky per visitare la madre malata. Dopo che la storia fece notizia, il sovrintendente John Clark della divisione di Cincinnati del Railway Mail Service indagò, chiedendosi perché il direttore delle poste di Caney, nel Kentucky, avesse consentito a un bambino di salire su un treno postale quando ciò era esplicitamente contro i regolamenti.

“Non so se ha perso il lavoro, ma sicuramente aveva delle spiegazioni da dare”, dice Pope.

Anche se Maud sembra essere l’ultimo bambino spedito con successo, altri in seguito avrebbero comunque provato a inviare i loro figli. Nel giugno 1920, il primo assistente del direttore delle poste, il generale John C. Koons, respinse due richieste di posta ai bambini, osservando che non potevano essere classificati come “animali vivi innocui”, secondo il Los Angeles Times.

Fonte: history.com




    FEATURES

    LASCIA UN MESSAGGIO A QUESTO AUTORE

    Risolvi l'operazione: trova la X 1 + 1 =

    All copyrights reserved © - 42doit.com