Società Nazioni del mondo dove è proibito il comunismo

Added
novembre 7, 2019
Location
Visualizzazioni
35
Valutazione
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading...
DESCRIZIONE

Divieto di simboli comunisti

I divieti sui simboli comunisti sono stati introdotti o suggeriti in numerosi paesi come parte delle loro politiche di decommunizzazione.

Indonesia
Volantini e letteratura di propaganda anticomunista, incolpando il Partito comunista indonesiano di essere l’attore del movimento del 30 settembre

Il comunismo insieme al marxismo e al marxismo-leninismo furono ufficialmente messi al bando in Indonesia a seguito del tentativo di colpo di stato del 30 settembre e delle successive uccisioni anticomuniste, con l’adozione dell’APP MPRS n. 25/1966 nel 1966 e Undang Undang n. 27/1999 nel 1999, che sono ancora in vigore. La legge non dichiara esplicitamente il divieto di simboli del comunismo, ma la polizia indonesiana usa frequentemente la legge per arrestare le persone che la espongono. Alcuni dei suoi trasgressori erano persone che non conoscevano i simboli del comunismo, nel qual caso le autorità spesso li hanno liberati solo con una pena minore o una piccola multa applicata. Tuttavia, mostrare tali simboli nel tentativo di propagare intenzionalmente idee comuniste o marxiste-leniniste è un reato estremamente grave, persino considerato un tradimento contro il paese e potrebbe essere punito fino a 20 anni di prigione. Ciò rende l’Indonesia un paese con una politica anticomunista molto severa rispetto ad altri paesi che praticano anche l’anticomunismo.

Altri simboli socialisti e di sinistra, sebbene non ufficialmente vietati dalla legge (poiché il socialismo democratico stesso è rimasto accettabile nel paese) sono ancora ampiamente condannati dal popolo indonesiano e considerati strettamente legati al comunismo in generale. Questi includono la stella rossa, l’araldica socialista, la bandiera rossa e inni o slogan come The Internationale e “Workers of the world, unit!”. Nonostante ciò, l’Internazionale era ancora in uso durante la Giornata internazionale del lavoro.

Inoltre, da quando il regime del Nuovo Ordine è stato istituito nel 1967, la falce e il martello sono stati stigmatizzati nel paese, che è molto simile al modo in cui il simbolismo nazista viene trattato in Occidente in generale. In quanto tale, mostrare il simbolo in pubblico, anche senza alcuna intenzione politica, è ancora considerato altamente offensivo. Per questo motivo, gli indonesiani sono generalmente inclini a denunciare coloro che hanno mostrato il simbolo in pubblico alle autorità.

L’Indonesia è uno dei primi paesi al mondo a introdurre un divieto sui simboli comunisti, esclusi i paesi dell’Asse durante la seconda guerra mondiale.

Nell’aprile 2017, la polizia indonesiana ha arrestato un turista malese in un hotel a Mataram per aver indossato una maglietta con l’immagine del simbolo di falce e martello. Il turista non era a conoscenza del fatto che i simboli comunisti fossero vietati in Indonesia. La polizia ha sequestrato la maglietta e rilasciato il turista dopo avergli dato un avvertimento.

Stati Uniti
Durante il Red Scare del 1919-1920 negli Stati Uniti, molti stati approvarono leggi che vietavano l’esposizione di bandiere rosse, tra cui Minnesota, South Dakota, Oklahoma e California. A Stromberg v. California, la Corte suprema degli Stati Uniti ha dichiarato che tali leggi sono incostituzionali.

Iran
I simboli comunisti insieme alle ideologie marxista-leninista e comunista sono vietati in Iran dal 1949 [citazione necessaria] e ancora nei primi anni ’80 in seguito alla Rivoluzione iraniana. [Citazione necessaria] Ciò includeva il Partito Tudeh dell’Iran e il Mojahedin popolare dell’Iran. [citazione necessaria]

Moldova
Nel 2009, il parlamentare Oleg Serebryan ha proposto un divieto di questo tipo in Moldavia e la legge è entrata in vigore nel 2012. La Corte costituzionale della Moldavia lo ha ritenuto incostituzionale.

Ucraina
Nel 2015 la Verkhovna Rada ha approvato una legge che vieta i simboli comunisti e nazisti. In precedenza, nel 2012, la città di Leopoli nell’Ucraina occidentale ha vietato l’esposizione pubblica dei simboli comunisti. Nel dicembre 2015, tutti i partiti comunisti sono stati ufficialmente banditi in Ucraina. Cantare o suonare l’antico inno dell’URSS (Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche) o qualsiasi altro inno dell’ex SSR è punibile con una pena detentiva fino a 5 anni.

Estonia
Il 30 novembre 2006, il governo estone ha firmato il progetto di legge per vietare l’esposizione politicamente motivata di simboli sovietici e nazisti in luoghi pubblici. Il 24 gennaio 2007 è stato approvato in prima lettura dal parlamento. Il disegno di legge specifica quei simboli: le bandiere, gli stemmi, gli altri attributi e gli slogan dell’URSS, il Partito Comunista dell’Unione Sovietica, il Partito Nazista Tedesco e la sua organizzazione delle SS.

Lituania
La Lituania ha vietato i simboli sovietici e nazisti nel 2008 (articolo 18818 del codice dei reati amministrativi) sotto la minaccia di un’ammenda. L’articolo 5 della legge sugli incontri proibisce gli incontri che coinvolgono immagini naziste e sovietiche. A partire dal 2015, le leggi erano in vigore.

Lettonia
Nel giugno 2013, il parlamento lettone ha approvato il divieto di mostrare simboli sovietici e nazisti in tutti gli eventi pubblici. Il divieto comprende bandiere, inni, uniformi, hakenkreuz nazista e falce e martello sovietico.

Georgia
In Georgia è stato introdotto un divieto nel 2010, ma non è stato in grado di definire le sanzioni applicabili. Nel 2014, c’era una proposta di modifica del divieto, tuttavia a partire dal 2015 la legge è rimasta inattiva.

Repubblica Ceca
Nel 1991, in Cecoslovacchia il codice penale è stato modificato con w § 260 che vietava la propaganda di movimenti che limitavano i diritti umani e le libertà, citando il nazismo e il comunismo. Più tardi le menzioni specifiche di questi furono rimosse citando la loro mancanza di una chiara definizione legale. Tuttavia la legge stessa è stata riconosciuta come costituzionale. Tuttavia, nel 2005, c’è stata una petizione nella Repubblica Ceca per vietare la promozione del comunismo e nel 2007 è stato proposto un emendamento alla legge per vietare i simboli comunisti. Entrambi i tentativi fallirono.

Polonia
Nel 2009, in Polonia, sono stati aggiunti all’articolo 2, paragrafi da 2 a 4, che vietano “simboli fascisti, comunisti o altri simboli totalitari” se non utilizzati “come parte di attività artistica, educativa, di collezionismo o accademica”. Il 19 luglio 2011, il Tribunale costituzionale della Polonia ha ritenuto incostituzionale questo divieto a causa della violazione della libertà di espressione. Nel giugno 2017, la Polonia ha aggiornato la sua legislazione sulla “decommunizzazione” per includere i monumenti di propaganda sovietica, suscitando reazioni negative da parte del governo russo.

Ungheria
L’Ungheria aveva una legge (articolo 269 / B del codice penale (2000)) che vietava l’uso di simboli di dittature fasciste e comuniste. Lo stesso anno la Corte costituzionale confermò la legge quando fu contestata, sostenendo che la restrizione alla libertà di espressione era giustificata. Nel luglio 2008 la Corte europea dei diritti umani ha esaminato la sfida di Attila Vajnai, accusata di un reato per l’uso della stella rossa e ha dichiarato che la legge ungherese viola la libertà di espressione. La Corte ha riconosciuto le gravi violazioni da parte dei regimi nazista e comunista; tuttavia, ha osservato che la moderna Ungheria è una democrazia stabile con trascurabili possibilità di dittatura, pertanto le restrizioni alla libertà di espressione non hanno alcuna giustificazione nel paese sotto forma di un “bisogno sociale chiaro, pressante e specifico”. Alla fine la legge è stata annullata nel 2013 dalla Corte costituzionale, citando la mancanza di una definizione precisa e la Corte europea dei diritti umani. Nel marzo 2017, il Primo Ministro Viktor Orbán ha introdotto un progetto di legge che mette al bando la merce con simboli come la svastica nazista o la stella rossa a cinque punte comunista, inclusa quella utilizzata dalla società di produzione di birra olandese Heineken.

Romania
La legge rumena 51/1991, art. 3 considera le seguenti minacce alla sicurezza nazionale: “avviare, organizzare, commettere o sostenere in qualsiasi modo azioni totalitarie o estremiste di un comunista, fascista, legionario o di qualsiasi altro razzista, antisemita, revisionista, natura separatista che può mettere in pericolo in qualche modo l’unità e l’integrità territoriale della Romania e incitare azioni che possono mettere in pericolo lo stato di diritto “. Tuttavia, i simboli non sono menzionati nella Legge.

Bulgaria
In Bulgaria, i legislatori hanno votato in prima lettura una proposta di legge il 24 novembre 2016 per rendere illegale l’esposizione pubblica di simboli comunisti. La legge, nota come “natura criminale del regime comunista”, richiede che i segni e gli oggetti creati durante il regime comunista che glorificano l’ex partito comunista e i suoi leader siano rimossi dai luoghi pubblici. La proposta, tuttavia, non fu mai messa in seconda lettura, firmata dal Presidente della Bulgaria o pubblicata nella Gazzetta ufficiale della Bulgaria e quindi non divenne mai legge. La sessione parlamentare e la convocazione in cui la legge è stata proposta in seguito si sono concluse, rendendo così la proposta morta.

Mongolia
Nel 2012, la Mongolia ha rimosso l’ultima statua di Vladimir Lenin nella sua capitale, Ulan Bator. Non sarà prevista alcuna legge sulla decommunizzazione nel paese.

Croazia
L’uso di simboli fascisti e comunisti è attualmente [quando?] In corso di revisione in Croazia, una delle discussioni è il divieto della stella rossa, un simbolo usato dall’esercito popolare jugoslavo durante la guerra di indipendenza croata.

Albania
L’Istituto albanese per i crimini comunisti (ICC) ha proposto di vietare i film dell’era comunista, suscitando reazioni negative da parte del pubblico.

Germania
La bandiera della Germania orientale fu dichiarata fuorilegge come simbolo incostituzionale e criminale nella Germania occidentale e nella Berlino occidentale, dove fu chiamata Spalterflagge (bandiera secessionista) fino alla fine degli anni ’60, quando il divieto fu revocato.

Corea del Sud
Allo stesso modo, la bandiera della Corea del Nord è proibita in Corea del Sud come simbolo incostituzionale sebbene esistano alcune eccezioni.

Unione europea
Nel gennaio 2005, Vytautas Landsbergis, sostenuto da Jozsef Szajer, deputato al Parlamento europeo dall’Ungheria, ha sollecitato il divieto dei simboli comunisti nell’Unione europea, oltre ai simboli nazisti. Nel febbraio 2005, la Commissione europea ha respinto le richieste di estendere a livello europeo i proposti divieti nazisti ai simboli del Partito Comunista. Tuttavia, questo rifiuto non ha escluso che i singoli stati avessero le proprie leggi al riguardo. Nel dicembre 2013, un gruppo di deputati al Parlamento europeo tra cui Landsbergis ha inviato una lettera al Presidente del Parlamento europeo, in cui chiedevano il divieto dei simboli dei regimi totalitari.




    FEATURES

    Berlino, Germania

    LASCIA UN MESSAGGIO A QUESTO AUTORE

    Risolvi l'operazione: trova la X 7 + 8 =

    All copyrights reserved © - 42doit.com