Cultura Quanto costa il corpo e il mausoleo di Lenin a Mosca?

Added
ottobre 26, 2020
Visualizzazioni
61
Valutazione
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading...
DESCRIZIONE

Lo scrittore e storico militare Boris Yulin ha calcolato che mantenere Vladimir Ilyich Lenin nel mausoleo costa circa 17 milioni di rubli all’anno (187.000 Euro). Lo ha affermato l’esperto durante il programma “Process” con Nadana Friedrichson sul canale televisivo “Zvezda”.

In precedenza, un gruppo di deputati della Duma di Stato quest’anno ha preparato un progetto di legge sulla sepoltura di Lenin. Il documento proponeva di sviluppare un meccanismo per prendere decisioni sulla sepoltura di personaggi storici. Tuttavia, alla fine, scoppiò uno scandalo. Alcuni deputati hanno ritirato le loro firme sotto il disegno di legge, definendolo senza speranza .

I sostenitori del documento hanno insistito sul fatto che il mantenimento e la manutenzione del mausoleo costano allo Stato un certo importo, offrendo agli oppositori del disegno di legge di farsi carico delle spese.

Ogni anno nella società russa sorgono discussioni sulla sepoltura di Lenin. Allo stesso tempo, secondo l’ultimo sondaggio sociologico, l’81% dei russi sopra i 18 anni ritiene che i resti di Vladimir Lenin dovrebbero essere sepolti.

Fonte: tvzvezda.ru

Manutenzione del corpo di Lenin

Il personale iniziale del mausoleo era composto da un comandante, un elettricista anziano e tre elettricisti in servizio. Dopo il 1935 c’erano già trenta persone con responsabilità lavorative strettamente assegnate, tra cui specialisti dell’illuminazione, specialisti del raffreddamento e altri dipendenti altamente specializzati. Prima di vari eventi, il mausoleo è stato attentamente controllato da una speciale squadra di sicurezza .

Nel gennaio 1934, il governo creò una commissione per esaminare le condizioni del corpo di Lenin. Gli scienziati inclusi nella commissione sono giunti alla conclusione che il compito di conservazione è stato completato in pieno. Sono stati notati i meriti eccezionali dei professori Vladimir Vorobyov e Boris Zbarsky nella ricerca e nell’applicazione di nuovi metodi di imbalsamazione a lungo termine.

Un laboratorio scientifico è stato impegnato nell’osservazione del regime di temperatura e nel mantenimento dell’umidità dell’aria necessaria nel sarcofago, i dipendenti hanno monitorato le condizioni della pelle, monitorato la composizione di soluzioni speciali per l’impregnazione del corpo, fotografato regolarmente il corpo per fissare e determinare i cambiamenti nel volume del rilievo delle mani e del viso, hanno esaminato i tessuti del corpo per i processi di distruzione e ha svolto molte altre attività.

Mausoleo di Mosca durante la guerra

Nel 1941, per ordine di Adolf Hitler , fu creata una squadra di ingegneri per far saltare in aria il Cremlino e il mausoleo. Durante la Grande Guerra Patriottica, l’accesso al mausoleo fu interrotto, e fu anche richiesto di camuffarlo dagli aerei nemici.

Il 6 novembre 1941, 21 aerei tedeschi furono abbattuti nelle battaglie vicino a Mosca. La notte del 7 novembre 1941, i travestimenti furono rimossi dal mausoleo e dalle stelle del Cremlino, e ai comandanti delle unità di Mosca che lasciavano il fronte fu ordinato di arrivare in Piazza Rossa al mattino per partecipare a una parata militare.

Durante la guerra, le truppe tedesche sganciarono centinaia di bombe incendiarie e una dozzina di bombe ad alto esplosivo nell’area del Cremlino.

Manutenzione in tarda epoca sovietica

Durante il lavoro dal 1968 al 1972, gli scienziati migliorarono ancora una volta il sarcofago di Lenin e il suo sistema di controllo della lampada in modo che l’illuminazione delle mani e del viso fosse prodotta attraverso fibre ottiche di vetro da una fonte di luce isolata. Anche la decorazione del sarcofago fu semplificata. Per il centenario del compleanno di Vladimir Lenin nel 1970, il mausoleo è stato ricostruito. I blocchi di marmo fatiscenti furono sostituiti e furono acquistate attrezzature moderne per il laboratorio.

Laboratorio per la conservazione del corpo

Presso il mausoleo, dal 26 marzo 1924, c’è un laboratorio per la conservazione del corpo di Lenin. Il professore di anatomia Vladimir Vorobiev e il biochimico Boris Zbarsky hanno proposto un metodo di imbalsamazione a lungo termine. Per realizzare questo progetto, il mausoleo è stato chiuso e al suo interno è stato allestito un laboratorio sperimentale. Un laboratorio di ricerca è stato aperto presso il mausoleo nel 1939. Era iscritta al Ministero della Salute dell’URSS . Inizialmente, il laboratorio era diretto dagli accademici Vorobiev e Zbarsky. Dopo la morte di Vorobyov dal 1934 al 1952, il laboratorio fu diretto da Zbarsky.

Commissione di controllo stato del corpo di Lenin

Nel febbraio 1945, a Tyumen, gli scienziati di laboratorio condussero un esperimento di conservazione del corpo, a seguito del quale una piccola area di pelle fu danneggiata sul piede sinistro. Al ritorno a Mosca, il laboratorio fu ampliato e fu creata una banca speciale con corpi sperimentali: questi erano morti o morti sconosciuti, che nessuno stava cercando, su di essi furono condotti significativi esperimenti balsamici. Nello stesso anno, il laboratorio è stato dotato della costruzione di una ex scuola in Sadovo-Kudrinskaya Street. Allo stesso tempo, il complesso dei compiti è stato aumentato per lei. Ogni cinque anni una commissione speciale esaminava il corpo di Lenin. Con l’aiuto di molti anni di esperienza, gli scienziati hanno raggiunto la stabilizzazione dei tessuti – i cambiamenti sono diventati quasi sfuggenti con i moderni metodi di controllo…

Imbalsamazione di altre figure politiche

Il laboratorio è stato impegnato nella imbalsamazione dei corpi di importanti figure politiche di altri paesi: nel 1949, il corpo del Segretario Generale del Comitato Centrale del BKP Georgy Dimitrov è stato elaborato , nel 1952 – il corpo del presidente del Consiglio del Popolo dei Ministri del MPR Khorlogiyin Choibalsan (ma la sua imbalsamazione era parziale, per ordine di Stalin, il processo è stato interrotto, Choibalsan fu sepolto in un sarcofago chiuso a Ulan Bator), nel 1953 – il corpo del capo del Partito Comunista Cecoslovacco Clement Gottwald (il suo corpo rimase nel mausoleo per nove anni, fino al 1962).

Ideazione di nuove tecniche di manutenzione

Nel 1952 Boris Zbarsky fu arrestato per “dottori assassini”, ma rilasciato pochi mesi dopo la morte di Stalin. Con il suo arresto, Sergei Mardashev divenne il direttore del laboratorio. Dal 1962 al 1967 il laboratorio è stato diretto da Boris Uskov, e dal 1967 al 1995 il direttore è stato Sergei Debov. Dal 1964, per mantenere condizioni stabili per la conservazione del corpo di Lenin, iniziarono a utilizzare l’automazione e l’elettronica, e il personale crebbe e nel 1960-1970 già contava circa 200 persone… Per questo motivo, nel 1976, il laboratorio si trasferì in un nuovo edificio in Krasin Street, casa 2, e da quel momento divenne un moderno istituto high-tech con dipartimenti di anatomia, istologia, biochimica e manutenzione.

Nel 1969, il personale del laboratorio imbalsamò il corpo del presidente del Comitato centrale del Partito dei lavoratori del Vietnam Ho Chi Minh, il suo mausoleo funzionante fu aperto in Vietnam dopo la fine della guerra con gli Stati Uniti nel 1975. Nel 1979, il personale del laboratorio ha imbalsamato il corpo del presidente della Repubblica popolare dell’Angola Agostinho Neto , nel mausoleo dell’Angola dal 1980 al 1992. Nel 1985 – il corpo del presidente della Guyana Lyndon Forbes Burnham, fu sepolto in un sarcofago chiuso a Georgetown.

Durante la ristrutturazione, i finanziamenti per il laboratorio hanno iniziato a diminuire. Nel 1989, i dipendenti di età superiore ai 70 anni furono sollevati dal loro lavoro amministrativo e nel 1991 il governo smise di stanziare fondi per la manutenzione preventiva del mausoleo. Nel 1992, il laboratorio è entrato a far parte dell’Istituto universale di piante medicinali e aromatiche (VILAR) e ha cambiato il suo nome in ” Centro di ricerca e formazione per le tecnologie biomediche “.

Nel 1995 il corpo del presidente della RPDC è stato imbalsamato Kim Il Sung, che è esposto nell’attuale mausoleo di Pyongyang. Nel 2011, il corpo imbalsamato del grande leader del coreano Kim Jong Il, venne posto accanto al corpo di Kim Il Sung.

Tecnologie richieste da altri stati con mausolei operativi

Le tecnologie create in laboratorio sono richieste e sono supportate da paesi con mausolei operativi. Oggi, il Centro per le tecnologie biomediche è specializzato non solo nel lavoro sperimentale con corpi imbalsamati, ma vi sono conservati reperti archeologici: il corpo di una principessa Altai ritrovato negli anni ’90. Il 5 marzo 2013 è morto il presidente venezuelano Hugo Chavez. Le autorità del Paese stavano negoziando con il laboratorio la possibilità di imbalsamare la salma, ma il tempo per iniziare i lavori è andato perso, inoltre, ci sarebbe voluto per portare Hugo Chavez in Russia per otto mesi. Chavez fu sepolto in un sarcofago di marmo, installato nell’edificio del Museo della Rivoluzione della capitale a Caracas.

Dal 1995 ad oggi il laboratorio è diretto da Valery Bykov. All’inizio del 2018 il laboratorio conta circa 40 dipendenti.

Leggi testo completo su: ru.wikipedia.org

Leggi anche: leader i cui corpi erano imbalsamati




    FEATURES

    LASCIA UN MESSAGGIO A QUESTO AUTORE

    Risolvi l'operazione: trova la X 7 + 4 =

    All copyrights reserved © - 42doit.com