Cultura Incidente di Chernobyl dati e vita dei 2 milioni di liquidatori

Video
Added
luglio 23, 2020
Location
Visualizzazioni
714
Valutazione
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading...
DESCRIZIONE

“Hanno salvato il mondo”. Confrontiamo la vita dei liquidatori in Bielorussia, Russia e Ucraina

Cosa è importante sapere sull’incidente di Chernobyl

L’incidente alla centrale nucleare di Chernobyl il 26 aprile 1986 è considerato il più grande disastro provocato dall’uomo del XX secolo.

300 volte più sostanze radioattive furono rilasciate nell’atmosfera rispetto al bombardamento atomico di Hiroshima nel 1945.
Di tutti i paesi colpiti dal disastro di Chernobyl, la Bielorussia ha sofferto di più – oltre il 70% dei radionuclidi si è insediato in Bielorussia, 21 distretti sono i più inquinati.

Dei 2,2 milioni di persone che vivevano nelle terre contaminate, 138.000 sono state evacuate e reinsediate e altre 200.000 hanno lasciato le aree interessate.
Nel 1986, durante l’incidente di Chernobyl, 1.850 petabecquerel di radionuclidi furono rilasciati dal reattore distrutto, mentre il cesio radioattivo rappresentava 270 petabecquerels. L’emivita del cesio-137 è di 30 anni. Ciò significa che nel 2016 il suo numero in Bielorussia si è dimezzato.

La serie americano-britannica “Chernobyl” ha attirato l’attenzione del pubblico mondiale sull’impresa dei liquidatori, persone che hanno combattuto a spese della propria salute (e spesso della vita) con le conseguenze dell’incidente di Chernobyl. Oggi oltre 2 milioni di liquidatori vivono in Bielorussia, Ucraina e Russia. Come li trattano lo stato? Quali benefici hanno? Svaboda ha parlato con liquidatori in tre paesi.

Bielorussia

Ci sono circa 80.000 persone in Bielorussia che hanno preso parte alla liquidazione delle conseguenze della catastrofe di Chernobyl nel 1986-1988. (33 anni fa erano circa 400.000.) Di questi, circa 8.000 sono disabili (il 10% del totale) che godono di determinati benefici. Il resto dei benefici di base è stato abolito nel 2007 con decreto presidenziale.

E nel 2013 lo status di “liquidatore” è stato abolito e ridotto allo status di “vittima”. Cioè, equiparava quelli che vivevano nella “zona” o vi si recavano per un paio di giorni e quelli che lavoravano direttamente vicino al reattore.

Quali benefici sono stati presi dai liquidatori (non disabilitati):
– viaggio libero;
– varmaci da prescrizione gratuiti;
– trattamento annuale gratuito di sanatorio;
– protesi dentarie gratuite;
– l’opportunità di andare in pensione a 55 anni.

Ciò che i liquidatori in Bielorussia hanno ora

I benefici per i liquidatori (questi sono quelli senza disabilità) sono definiti nella legge “Sulla protezione sociale dei cittadini colpiti dal disastro di Chernobyl e altri incidenti da radiazioni”. Questi sono:

supplementi pensionistici del 25% o 50% (se la persona si trovava nella zona di evacuazione) della pensione minima di vecchiaia (ora è di 50 rubli);
– riduzione dell’età pensionabile per coloro che hanno preso parte all’eliminazione delle conseguenze della catastrofe nella zona di 10 chilometri nel 1986 o almeno 10 giorni nel 1987 – per 10 anni;
– il diritto al congedo sociale senza retribuzione per 14 giorni di calendario;
– salario al cento per cento per malattia;
– riposare in un momento conveniente;
– il vantaggio di lasciare il lavoro quando si riduce il personale;
– assistenza prioritaria negli ospedali;
– entrata prioritaria nelle cooperative di garage.

Cosa dicono i liquidatori bielorussi: “Abbiamo lasciato la nostra salute a Chernobyl e le autorità hanno riso di noi”

Il liquidatore Alyaksandr Vauchanin , un membro del consiglio consultivo pubblico del dipartimento di risposta alle catastrofi di Chernobyl presso il Ministero delle Emergenze della Bielorussia, ha dichiarato in un’intervista a Svaboda che “nessuno restituirà benefici nello stesso senso oggi”.

“Oggi il liquidatore più giovane ha 55 anni. E hanno dovuto ritirarsi a 55 anni. Ma questo beneficio è stato tolto (la riduzione dell’età pensionabile di 5 anni, come dice Vauchanin, è stata lasciata solo a quei liquidatori che lavoravano nella zona di esclusione di 30 chilometri e in seguito sono diventati disabili. – RS. ). Ora ho, per esempio, una pensione di 450 rubli e 25 rubli in più. Suggerisco ai deputati della Camera dei Rappresentanti di pagare ai liquidatori non 25, ma almeno 150 rubli al mese ”.

Secondo Vauchanin, la Bielorussia deve restituire lo status di liquidatori, come in Ucraina e Russia.

“Stiamo costruendo una centrale nucleare e tutto può succedere. E come chiameremo le persone quando succede qualcosa? E diranno: hai annullato i benefici per i nostri genitori e nonni! ” – dice il liquidatore.

Il liquidatore Vasily Siliverst durante il suo servizio nell’esercito fu impegnato nella decontaminazione del territorio e nelle munizioni militari. Non è riuscito a dimostrare legalmente che la malattia, che ha portato alla disabilità, è associata alla partecipazione alle conseguenze del disastro di Chernobyl. Gli è stato negato un esame indipendente.

“Tutto è stato portato via dai liquidatori. La nostra legislazione di Chernobyl è la peggiore rispetto a Russia e Ucraina. Non ci sono garanzie sociali qui. Liquidatori per 33 anni stanchi di camminare e inchinarsi. Abbiamo lasciato la nostra salute a Chernobyl e le autorità hanno riso di noi. Non siamo nessuno qui “.

Ucraina

In Ucraina, 1 milione e 800 mila liquidatori. I loro benefici sono garantiti dalla legge sullo status e sulla protezione sociale dei cittadini colpiti dal disastro di Chernobyl.

Cosa hanno ora i liquidatori in Ucraina:

– riduzione dell’età pensionabile di 7-10 anni;
– Sconto del 50% su tutti i servizi abitativi e comunali;
– viaggi gratuiti nei trasporti pubblici (sconto del 50% per i viaggi fino a un certo punto in Ucraina, una volta all’anno);
– trattamento gratuito in ospedali specializzati, protesi dentarie gratuite;
– una volta all’anno il liquidatore può ottenere un buono gratuito per il recupero (le autorità locali pagano il viaggio avanti e indietro nel luogo di riabilitazione);
– assistenza finanziaria per l’anniversario dell’incidente e il giorno di onorare i liquidatori (15-20 euro);
– prestazioni per i familiari: in caso di decesso del liquidatore capofamiglia, la moglie percepisce il 50% della pensione e tutte le prestazioni del marito vengono trattenute;
– medicinali gratuiti (supplemento del 5-6% del costo dei medicinali importati);
Prestazioni fiscali;
– Compensazione del 25% per gli alimenti (per alcuni liquidatori);
alloggi prioritari per i bisognosi.

Cosa dicono i liquidatori ucraini: “Abbiamo strappato tutto con le nostre proteste”

Valery Makaranka , presidente dell’organizzazione internazionale Chernobyl-Fukushima , afferma che “nessun paese al mondo” ha volontariamente soddisfatto i bisogni delle vittime di Chernobyl.

“Le vittime di Chernobyl sono una forza organizzata che richiede l’adempimento degli obblighi da parte dello stato. Lo stato non piace. Dopotutto, non gli piace quando i servi della gente vengono spinti in un posto. Quindi abbiamo strappato tutto con le nostre proteste, lotte, fatto appello alle organizzazioni internazionali. E continuiamo a farlo “, dice Valery Makaranka .

Valery Makarenko ha lavorato come giornalista durante la catastrofe, ha fatto le prime foto del reattore e del sarcofago. E due giorni dopo era in terapia intensiva.

“Quando non sono state perse informazioni sull’incidente, sono riuscito a rompere il blocco. Era impossibile raggiungere la stazione a terra: c’erano quattro cartoni. Ho prestato servizio in aviazione, ho avuto collegamenti nel distretto militare di Kiev – e ho appena sorvolato il cartone in elicottero – ricorda Makarenko. – Per non scattare le mie foto, sono andato a intervistare il capo della commissione statale Ivan Silaev. Nessuno poteva annullare la sua intervista allora – e ha detto tutto. E le autorità non avevano più senso chiudere i giornalisti “.

Russia

Ora ci sono circa 150.000 liquidatori in Russia. Circa 45.000 di loro sono disabili a causa dei lavori nella centrale nucleare di Chernobyl. Lo status di liquidatore in Russia è sancito da una legge speciale . I benefici dipendono dal fatto che il liquidatore sia disabilitato e dal periodo di lavoro nella zona di Chernobyl.

Quello che hanno ora i liquidatori in Russia

I liquidatori del 1986-87 e i liquidatori che lavorarono alla Shelter nel 1988-90 hanno un pacchetto di garanzie sociali più ampio rispetto ai liquidatori del 1988-90:

– pagamento mensile in contanti da 33 a 41 dollari e una serie di servizi sociali (medicinali, cure sanitarie, viaggi) – circa 17 dollari (per i disabili, questi importi sono più alti);
– in base al diritto pensionistico, i liquidatori dal 1986 al 1987 ricevono ulteriori $ 198;
– l’opportunità di andare in pensione 5-10 anni prima;
– pagamento del 50% per le utenze;
– alloggio gratuito per i bisognosi (certificato abitativo). Circa 8.000 persone rimangono in coda per questo programma;
– pagamento mensile per alimenti per i liquidatori del 1986-1987 – circa 10 dollari;
– pagamento annuale per riabilitazione – da 5 a 14,5 dollari;
pagamento di prestazioni di invalidità temporanee per un importo pari al 100 percento della retribuzione media;
supplemento all’importo della retribuzione precedente in caso di trasferimento a retribuzione inferiore per motivi medici;
ferie pagate supplementari fino a 14 giorni.

Cosa dicono i liquidatori russi: “Molti saranno sorpresi dai bassi pagamenti ricevuti dai liquidatori”
Vyacheslav Grishin , presidente dell’Unione russa di Chernobyl , afferma che dopo la catastrofe ci furono ordini segreti per inviare truppe a Chernobyl (in misura minore civili), non meno di 25 e non più di 45, e coloro che hanno e bambini.

“Lo stato ha adottato molte misure aggiuntive di supporto sociale per i partecipanti alla Grande Guerra Patriottica. Hanno voli gratuiti in tutto il paese, per esempio. Nell’Unione Sovietica c’era un decreto che equiparava i liquidatori ai veterani. Ma poi l’Unione Sovietica è crollata … ”

La legge russa “Chernobyl” è stata modificata circa 30 volte, afferma Vyacheslav Grishin.

“Penso che dopo aver visto la serie” Chernobyl “molti saranno sorpresi dai bassi pagamenti ricevuti dai liquidatori. Anche se molti hanno detto dopo aver visto che hanno salvato non solo l’Europa ma il mondo intero “.

Esistono organizzazioni pubbliche di liquidatori in Ucraina e Russia, ma non in Bielorussia.

Fonte e traduzione automatica da: https://www.svaboda.org/a/29982733.html




    FEATURES

    Kirova Street, Kyivs'ka oblast, Ucraina

    LASCIA UN MESSAGGIO A QUESTO AUTORE

    Risolvi l'operazione: trova la X 7 + 9 =

    All copyrights reserved © - 42doit.com