Motori Il motore dello stabilimento di Ural che ha contribuito a vendere i carri armati T-90S in India

Added
luglio 22, 2020
Visualizzazioni
55
Valutazione
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading...
DESCRIZIONE

Il motore dello stabilimento di Ural

Le macchie bianche nella ben studiata costruzione di carri armati domestici, il cui centesimo anniversario sarà presto celebrato nel paese, esistono ancora: la scala reale degli eventi recenti è talvolta più difficile da valutare rispetto a quelli remoti in un orizzonte temporale più lungo. Solo due decenni fa, l’industria dei carri armati russi stava attraversando una grave crisi e la domanda riguardava la sopravvivenza dell’intera industria. Quindi il contratto interstatale che prevede la vendita di 310 carri armati T-90S in India divenne fatale per lui, e una nuova centrale elettrica, creata in una fabbrica di trattori a Chelyabinsk, contribuì ad attuare questo accordo.

Sotto l’armatura – una mandria di cavalli

Questa storia ha già iniziato ad acquisire miti, quindi le testimonianze dei suoi partecipanti diretti sono particolarmente preziose. All’inizio degli anni 2000, l’impresa che forniva motori speciali per le potenziali navi da guerra russe era guidata da Valery Platonov, che lasciò i suoi ricordi del contratto indiano. Al sessantesimo anniversario, il CEO ha riassunto il suo percorso professionale, decidendo di pubblicare un manoscritto destinato alla sua cerchia interna – colleghi, amici. L’autore di queste righe, che a quel tempo era il capo del dipartimento informazioni dello stabilimento, chiese di renderlo letterario. Il libro è stato pubblicato in una piccola tiratura presso la tipografia locale. Nel frattempo, è interessante non solo per gli storici locali.

Secondo Valery Platonov, il destino dell’industria alla fine del secolo era determinato non solo dalla concorrenza delle macchine, un componente importante di essa era anche la competizione dei motori, che nella sua intensità e drammaticità assomigliava a una trama avvincente. Dal 1996, il dipartimento militare indiano ha avviato i negoziati con il governo russo sulla fornitura di un lotto di carri armati. Contemporaneamente con la stessa iniziativa, il governo del Pakistan si fece avanti, ma rivolse gli occhi all’Ucraina. I toni politici hanno cominciato a farsi sentire nei negoziati. Il serbatoio ucraino T-80UD proposto in Pakistan aveva un motore diesel 6-TD-1 con una capacità di 1000 cavalli. L’esercito russo era armato con un carro armato T-90 con un motore B-84 prodotto da Chelyabinsk con una capacità di 840 cavalli. Questa macchina si adattava al lato indiano per le sue caratteristiche. Ma il motore, secondo l’esercito indiano, non avrebbe dovuto essere inferiore a quello che un potenziale nemico avrebbe potuto avere nel suo arsenale.

Controversia in difficoltà nel tempo

Considerando l’importanza del contratto e della tradizionale cooperazione tecnico-militare con l’India, l’esercito russo si rivolse a Barnaul nello stabilimento di Transmash, dove fu sviluppato un motore diesel, che si chiamava KD-34. Quando gli abitanti di Chelyabinsk decisero di offrire la propria alternativa, il lavoro a Barnaul era in pieno svolgimento. Ma il motore non ha superato la prova, anche se i lavori pre-contratto erano già in corso e i documenti elencavano il serbatoio T-90S con questo motore.

“Era il 1998, a parte l’entusiasmo e le idee, non avevamo nulla per le nostre anime”, ha ricordato Platonov. – A Uralvagonzavod a Nizhny Tagil, ho incontrato il capo della principale direzione corazzata del ministero della Difesa russo, Sergei Mayev, e gli ho parlato della mia intenzione di partecipare alla creazione del motore V-92S2 da 1000 cavalli. Avresti dovuto vedere come Sergei Alexandrovich mi guardava: inoltre, si dice, un sognatore è apparso con noi. Poi ha accettato con riluttanza: fatelo a vostro rischio e pericolo – i militari non hanno soldi per questo lavoro.

Platonov ha osservato che non è stato solo necessario modificare il design dei nodi e delle parti del modello di base, ma anche selezionare nuovi materiali. Un ruolo eccezionale in questo è stato interpretato dal capo designer Vladimir Gordeev, dai suoi vice Vitaly Fedorov e Vladimir Egorov. Fino agli ultimi giorni della sua vita, il consulente del progetto era il vincitore del Premio di Stato, Eroe del lavoro socialista Vladimir Butov, sotto la cui guida erano state precedentemente create molte attrezzature per la costruzione di strade conosciute nel paese.

Ci siamo imbattuti nel rivestimento del cilindro di un motore diesel. Ha assicurato le sue prestazioni con una potenza di 1000 forze. Nel frattempo, la tendenza era evidente: l’ulteriore sviluppo di veicoli blindati richiederà più energia dalla centrale elettrica. Perché modellare “collegamenti deboli”? Vladimir Gordeev ha suggerito di sostituire la boccola d’acciaio con una in ghisa, ma i colleghi non sono stati unanimi. La guaina in acciaio sembrava essere più affidabile, questa soluzione andò evolutivamente, creando i motori precedenti, e non rimase tempo per lunghi test su nuove idee: sebbene i motori diesel Barnaul si fossero spenti, erano già nei serbatoi. La posizione di Gordeev, tuttavia, prevalse: si affidarono ai vantaggi di una svolta tecnica.

I primi successi dei test al banco furono incoraggianti, ma il B-92S2 fu afflitto da perdite d’olio. Il potere è aumentato – la pressione è aumentata. Hanno iniziato a cambiare il design di un numero di parti. Ancora una volta, in condizioni di pressione del tempo difficile.

Il KD-34 si è dimostrato non dalla parte migliore, e il B-92S2 non era ancora riuscito a superare le fasi di prova richieste, e in questa situazione, ha osservato Platonov, il colonnello generale Sergei Maev ha mostrato alte responsabilità, permettendogli di inviare carri armati T-90S ai confini sud-orientali con i motori di Chelyabinsk, non ancora adottati dall’esercito russo.

“Sapevamo che i test di sopravvivenza si sarebbero svolti in condizioni climatiche molto difficili”, ha confermato il direttore dell’azienda. – Ma cosa – non potevamo nemmeno immaginare.

Serbatoi e pavoni

Tre T-90S e un motore V-92S2 di scorta furono inviati in India. Tra gli specialisti della fabbrica hanno lasciato il vice capo designer Fedorov e il capo della sezione di assemblaggio Lebedev. I test sono stati effettuati nel deserto del Thar vicino al confine pakistano. Nel pomeriggio la temperatura è salita a 57 gradi. In un tale inferno da incubo, i tester spesso svenivano. Il “trattamento” era semplice: si sarebbero sdraiati sotto un condizionatore d’aria in una sala riunioni, una macchina di riparazione sulla base dell ‘”Ural”, un po’ oklematsya, e di nuovo al lavoro.

Vitaly Fedorov, un partecipante a quei test estremi, ha ricordato che sono stati effettuati in due siti di prova, uno dei quali era Chaba, situato in un’area desertica, dove l’unica strada stretta conduceva. Ci sono dune intorno all’altezza di un edificio a cinque piani, la natura incontaminata dall’uomo: lepri, volpi e, stranamente, pavoni. In questa “padella” naturale a causa dell’incoerenza dell’equipaggio indiano, si verificò il primo grave guasto, ma il motore fu rapidamente sostituito. Il motore di emergenza è stato riparato alla base di Jodhpur, reinstallato nel serbatoio “nativo” e quindi controllato con una corsa di 25 chilometri.

Valery Platonov, a modo suo, rivela i dettagli di questo caso. I potenziali acquirenti non capivano da dove provenisse il B-92S2, poiché la documentazione preliminare includeva un motore diverso. Temevano che gli specialisti russi li avrebbero ingannati. Su istruzioni dirette dei comandanti, l’equipaggio indiano del serbatoio surriscaldò deliberatamente il motore: volevano vedere cosa c’era dentro. Il Vice Ministro della Difesa dell’India ha chiesto personalmente a Sergei Maev: dov’è il KD-34? Senza batter ciglio, il rappresentante del dipartimento della difesa russo rispose: “Questa è un’opzione di backup. La principale è B-92S2”.

Platonov ricorda anche una conversazione con il futuro capo designer Vladimir Domanin, che sta prendendo parte ai test di Uralvagonzavod.

“Vedendo come il motore viene vittima di bullismo da parte dell’esercito indiano, ci ho creduto sinceramente”, ha ammesso Vladimir Borisovich.

Il serbatoio T-90 mancante del modello del 1992 è stato trovato in Siria
Il test finale, a quanto pare, ha rimosso tutti i problemi, ma non era così. Il turbocompressore per il motore era prodotto da un ufficio specializzato, che una volta si separava dall’impresa di Chelyabinsk, ma la situazione non era eccezionale, quindi i componenti per i prototipi venivano prodotti dagli stessi costruttori di motori secondo i disegni dei partner. Il design è stato reso tecnologicamente più avanzato. Quando arrivò alla produzione di massa, iniziarono i litigi, Platonov descrisse la situazione.

– Ci è stato detto che nulla poteva essere “migliorato”. C’erano molti ispettori. “Dove sei stato prima?” Ho chiesto. “Non importa” mi hanno risposto. Costruire il compressore stesso era più semplice che respingere gli attacchi dei riassicuratori.

Tuttavia, il B-92S2 ha iniziato la sua vita. Con esso, il serbatoio T-90S ha migliorato le sue caratteristiche di qualità, suscitando un vivo interesse per il mondo. In effetti, questo passaggio ha fatto rivivere la Russia come potenza di un carro armato, Valery Platonov ha apprezzato l’importanza del lavoro svolto.

Il top manager ha anche notato il grande ruolo nella firma del contratto del vice primo ministro del governo russo Ilya Klebanov, che ha incontrato a Nižnij Tagil. Valery Mikhailovich ha visitato una nuova conoscenza alla Casa Bianca e al ministero più di una volta quando è stato nominato ministro dell’industria, della scienza e della tecnologia. Klebanov ha firmato un accordo dalla parte russa per la fornitura di carri armati a Delhi. Questo è uno degli esempi di pressioni esercitate sugli interessi dell’industria da parte dello stato, ha affermato Valery Platonov, che è diventato vicedirettore generale della società UVZ e capo del comitato per lo sviluppo industriale della Camera di commercio e industria russa. Nel febbraio 2001, si è rivolto al governatore della regione di Chelyabinsk, Pyotr Sumin, con una proposta per contrassegnare i prestigiosi costruttori di trattori con riconoscimenti statali. Ordini e medaglie “per il motore” sono stati ricevuti da 14 operai.

A proposito

Durante gli anni della guerra, l’impianto di motori diesel Kharkov n. 75 fu evacuato a Chelyabinsk, e qui, sotto la guida del famoso costruttore di motori Ivan Trashutin, in seguito due volte Hero of Socialist Labour, in un potente impianto di costruzione di serbatoi, che era allora lo stabilimento di Chelyabinsk Kirov, apparve una scuola scientifica di costruzione diesel. Oggi, un monumento a Ivan-Diesel, così chiamato dai suoi colleghi, è installato in uno dei parchi del centro regionale. L’esperienza nella creazione di un motore per il T-90S è istruttiva: si scopre dove mostrano iniziativa e perseveranza, prendono ancora le città. E anche i paesi.

Aiuta “RG”

L’industria dei carri armati domestici risale al 31 agosto 1920, quando il primo carro armato seriale sovietico e russo “Renault-Russian” fu assemblato nello stabilimento di Sormovo a Nizhny Novgorod, che ricevette il proprio nome: “compagno di combattenti per la libertà Lenin”. Il primogenito fu modellato sul carro armato Renault FT17 francese della prima guerra mondiale. Questo veicolo leggero, progettato per accompagnare la fanteria, fu il primo a ricevere il layout che in seguito divenne classico.

Fonte: rg.ru




    FEATURES

    Čeljabinsk, Oblast' di Čeljabinsk, Russia

    LASCIA UN MESSAGGIO A QUESTO AUTORE

    Risolvi l'operazione: trova la X 8 + 2 =

    All copyrights reserved © - 42doit.com